Mutuatari e garanti: cosa succede se la casa va all’asta?

Mutuatari e garanti: cosa succede se la casa va all’asta?

Ottenere un mutuo per l’acquisto di una casa, vista la crescente precarietà lavorativa, non è cosa di tutti i giorni. La figura determinante per una persona che ottiene un mutuo senza possedere i requisiti richiesti dalle banche – tali da assicurare la possibilità di pagare rate e interessi – è quella del garante fideiussore.
Con il suo patrimonio, il garante garantisce, appunto, alla banca di subentrare al posto del mutuatario qualora questi non riesca più a pagare il suo mutuo (fideiussione).

Chiaramente, se ha avuto bisogno di un garante, l’eventualità che il mutuatario si ritrovi a non poter più saldare il suo debito non è poi così remota. E così sia il mutuatario che il garante sono in una posizione rischiosaCosa succede in questa eventualità? 

Vi sono due tipi di fideiussione: 

1. Fideiussione solidale: il garante è chiamato dai creditori a intervenire subito, non appena il mutuatario smette di pagare le sue rate, per pagare al suo posto; 

2. Fideiussione con beneficio di escussione: il creditore procede con il pignoramento nei confronti del debitore e, nel caso (anch’esso non remoto) in cui il suo debito non venga saldato in seguito all’asta, il garante è chiamato a intervenire per saldare il debito residuo. 

La fideiussione tutela i creditori, non i debitori, né tantomeno i garanti. L’asta non è una soluzione: nella vendita forzata di un immobile, la casa viene di fatto svenduta, e il ricavato spesso non è sufficiente al saldo del debito, per il quale interverrà il garante. Il garante avrà poi la possibilità di rifarsi sul debitore, che di fatto avrà quindi ancora un debito, solo con un creditore diverso (il garante, appunto). Ma c’è un modo per evitare questa situazione scomoda per entrambi? C’è una soluzione che salvi la casa dall’asta, risolva il problema dei debitori e tuteli i garanti?

 La soluzione che offre SalvaCasa, società benefit n. 1 in Italia, è la pratica del saldo e stralcio, attraverso cui, previa delega del debitore, tratta con i creditori per acquistare la casa salvandola dall’asta e chiude totalmente, per sempre, la sua posizione debitoria. In più, gli riconosce una somma di denaro con cui ritrovare serenità e dignità e ricominciare la sua nuova vita. Con la gratitudine del garante, che in questo modo non dovrà intervenire. 

La soluzione di SalvaCasa è valida anche in caso di fideiussione solidale: il problema può essere risolto prima che i creditori arrivino a sollecitare i garanti.